Skip to main content
Article
Economia digitale e sviluppo rurale: le reti a banda larga in Italia, tra intervento pubblico e privato
Agriregionieuropa (2014)
  • Nicola Matteucci
Abstract

L’economia digitale, consistente nella diffusione pervasiva e nell’utilizzo intensivo delle Ict (nell’acronimo inglese, information and communication technologies) nei vari comparti dell’economia, procede a grandi passi sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, e anche in Europa gli obiettivi di avanzamento della Società dell’Informazione continuano a mantenere un posto di primo piano nella normativa e nella policy comunitaria per lo sviluppo economico e la coesione sociale e territoriale. Nello specifico, il punto nodale del paradigma delle Ict dell’ultimo decennio è stato lo sviluppo infrastrutturale, e consiste nella costruzione e nell’impiego di reti di comunicazione digitale a banda larga (d’ora in poi, BL), che consentono un accesso tendenzialmente ubiquo e ad alta velocità alla “rete delle reti” di comunicazione digitale – universalmente nota come Internet. In sintesi, la copertura del territorio con reti a BL agisce da presupposto infrastrutturale e da innovazione di base abilitante per l’introduzione di tutto un insieme di tecnologie, di innovazioni di processo, di prodotto e di servizio nei settori a valle, configurando un processo di diffusione tecnologica tendenzialmente cumulativo e auto-indotto. Grazie a questa infrastruttura a BL a più alta capacità di trasmissione dati, i settori e i territori coinvolti incrementano e de-materializzano una parte crescente del valore aggiunto generato, e rendono lo stesso meno dipendente dai fattori di localizzazione e di accessibilità geografica dei siti produttivi e di consumo: conseguentemente, rendono possibile un ripopolamento socio-economico delle aree rurali e marginali. In questo lavoro si ripercorrono i caratteri salienti dell’evoluzione recente del paradigma tecnologico delle Ict e della BL, offrendone una loro originale panoramica e rivisitazione, particolarmente utile per l’analista ed il policy-maker che si occupino di problemi di innovazione e sviluppo locale – soprattutto quelli tipici delle aree rurali italiane. Successivamente, alla luce dei progressi recenti avutisi in termini di copertura a BL del territorio, si analizza la dinamica virtuosa e viziosa del gioco tra mercato e Stato, e si ripercorrono i momenti salienti delle policy comunitarie ed italiane, evidenziandone i traguardi e le problematicità irrisolte. Seguono alcune brevi indicazioni di policy.

Publication Date
September, 2014
Citation Information
Nicola Matteucci. "Economia digitale e sviluppo rurale: le reti a banda larga in Italia, tra intervento pubblico e privato" Agriregionieuropa Vol. Anno 10 Iss. 38 (2014)
Available at: http://works.bepress.com/nicola_matteucci/32/